1

Benvenuti nel blog collettivo creato da Ambra

mercoledì 28 marzo 2012

La Principessa del Bosco di Lavanda

courtesy
Post di Lilybets
C’era una volta, in un casa fatta di ciottoli di pietra candida e luccicante, una pincipessa dai capelli viola, fatti di tanti fili profumati di lavanda. Era nata dall’amore tra il Re della Valle dei fiori ed una Fata dei boschi e, da entrambi, aveva ereditato l’amore per la natura e gli animali.
La principessa, dall’animo gentile ed amichevole, amava scrivere poesie e storie. Timida ed introversa sedeva sempre sotto lo stesso antico albero di noci, su una coperta che le aveva cucito la mamma tanti anni prima e, quando aveva terminato un racconto, amava  leggerlo  a voce alta con il viso rivolto alle nuvole.
Il suono della sua voce sembrava la melodia di un magico violino e si spandeva leggera in tutto il Regno ed amata da chi la udiva. La principessa si era innamorata una sola volta, di un cavaliere che si era fermato sulle sponde del lago per riposarsi dopo un lungo viaggio. L’aveva fissata a lungo e lei era fuggita frettolosamente.
I suoi racconti da allora erano sempre molto malinconici e nascondevano una profonda tristezza: quella di un sogno che non si avverava. La principessa pensava che quel principe non l’avrebbe mai potuta amare, perché i suoi capelli, fatti di petali profumati, erano così diversi da quelli delle dame e delle principesse del Regno.
Non sapeva, invece, che il principe si era innamorato di lei al primo sguardo e, quello che per lei rappresentava un limite, per lui era un dono speciale.
Vorrei scrivervi che i due si incontrarono di nuovo e che ne nacque un amore appassionato e duraturo, ma cio’ non avvenne mai, perche’ la principessa continuò a scrivere  i suoi racconti malinconici ed il Principe trovò un’altra Regina per il suo Regno.
Il tempo passo’ lentamente in una giostra di stagioni e di colori senza che la principessa trovasse mai il coraggio di parlare al principe.
Le nostre vite sono fatte di sorprese, a volte belle a volte spiacevoli, talvolta, pero’, il mondo che costruiamo intorno a noi è chiuso da mura invisibili, fatti di pensieri negativi e paure Questo muro ci impedisce di fare nuove esperienze e di avere quello che desideriamo, nemico invisibile che spesso vediamo negli altri, ma abbiamo difficolta’ a vedere intorno a noi.
Lilybets

23 commenti:

sqwerez ha detto...

alla continua ricerca dell'allineamento migliore...

ladynight ha detto...

un muro invisibile
una prigione di sbarre di luce

Tomaso ha detto...

Un post molto interessante con molti interrogativi e non facili da rispondere cara amicahe.
Tomaso

Lara ha detto...

Una splendida fiaba che sa dire tanto, insegna ...
Grazie Lilybets!
Ciao,
Lara

Sciarada ha detto...

Ciao Lilybets, magnifica favola, un ottimo spunto per una crescita personale, sarebbe bello se gli esseri umani riuscissero a pensare che la loro diversità è il loro punto di forza, ciò che li rende speciali e unici!
Ciao Ambra, serena giornata a tutti!!!

il monticiano ha detto...

Sarà pure una favola ma la morale in fondo ci dice tante cose che noi dovremmo tenere bene in mente.

❀~ Simo ♥~ ha detto...

Una fiaba che rispecchia la realtà, ciao cara e un abbraccio

Sandra M. ha detto...

Narri di una vita irrisolta e sospesa, di paura e insicurezza, di rimpianto .Pare essere tardi ma forse non è così.....

Giada ha detto...

Questo racconto mi ha stupito, perchè è più che una semplice "favola".
Quel muro, che spesso noi innalziamo come barriera per le sofferenze, in realtà blocca la strada soprattutto alla felicità.
Un abbraccio.

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Insegna molto questo racconto.

RobbyRoby ha detto...

ciao
bella questa fiaba.
Scritto che fa riflettere e che insegna.

Cristina ha detto...

La vita impone, piegandoci delle insicurezze tocca a noi scardinarle
Mi sono sempre piaciute le favole e ne leggo ancora sempre con molto piacere. Mi dispiace quando non finiscono bene. Molto spesso forniscono spunti di riflessione con la semplicità tipica delle favole...e come lettrice della pagina ti chiedo di scriverle ancora...

achab ha detto...

Un testo molto bello e che serve anche a fare riflettere,complimenti,buona serata,un saluto anche alla cara Ambra.

Edoardoprimo ha detto...

Maledetta pavidità!!!
Le avrebbe cambiato la vita...sicuramente.

Lufantasygioie ha detto...

credo che sia un'attegiamento normale...allafine il nostro comportamento non è altro che le somme delle esperienze vissute.
Chi ha avuto tanti pugni in faccia,è naturale che non sia disponibile ed aperto con il prossimo...al contrario chi ha conosciuto solo persone che lo hanno arricchito,sarà una persona che darà sempre il sorriso al prossimo.Poi ci sono le eccezioni
Lu

Carmine Volpe ha detto...

abbiamo paura di noi stessi, abbiamo paura della vita, melgio un tran tran che un rischio.
La maturità personalmente mi ha dato la consapevolezza che non avevo da ragazzo, è una maturazione a volte lenta a volte veloce...., tutto serve anche i rimpianti

Giovanni ha detto...

comprendo quando parli del muro che ci impedisce di fare nuove esperienze alle volte creando malinconiche nostalgie come ..."il fiore che non colsi.." vi e' un muro tuttavia ancor più difficile da valicare come l'esplorazione di noi stessi in momenti cruciali della nostra vita e capire in tempo. ciao lilybets hai tanta poesia nel cuore. giovanni

Vilma Bellucci ha detto...

una fiaba su cui riflettere, mi è piaciuta molto
Buon fine settimana

Alberto ha detto...

Mi sa che principesse così ne esistano sempre meno.

Stefania ha detto...

talvolta il muro non è che una protezione e un non voler mettersi in gioco. Bel racconto, davvero. complimenti!

Lilybets ha detto...

Ringrazio di cuore i vostri commenti,tutti.Alcune di voi hanno colto l'essenza della mia favola, che, talvolta,per paura ci poniamo dei limiti e percorriamo le stesse strade evitando di affrontare i nostri blocchi.Conosco bene questa paura,perche' ci convivo giorno dopo giorno.A presto.

Vania ha detto...

Ciao Lilybets, è una favola bellissima che spesso affrontiamo nella realtà. La paura che si prova per troppe sofferenze vissute, alza quel muro che impedisce alla felicità di raggiungerti... Troppo spesso succede ma.... chissà.... domani è un altro giorno e... tutto potrebbe accadere....... Complimenti per la profondità e la dolcezza del racconto.

Giancarlo ha detto...

Una interessante fiaba, che dovrebbe farci riflettere!! buona serata....ciao

Iscriviti a Feed Burner