1

Benvenuti nel blog collettivo creato da Ambra

domenica 20 gennaio 2013

Il libro di Alice

immagine dal web
Post di Cristina

Qualcuno ha detto se non avete comprato libri quest’anno dovete almeno acquistare “Il libro di Alice”.
Alice è una bambina affetta da una grave malattia congenita che la costringe a vivere su una sedia a rotelle. Ha una forza d’animo senza eguali, così come anche la sua sensibilità e maturità. Personalmente la definirei “una fuori categoria”; ho apprezzato davvero moltissimo il suo modo di scrivere racconti, poesie ed in particolare la sua visione della vita.

Mi ha colpito particolarmente un brano – dove lei oramai adolescente – fa i conti con i suoi primi amori che non può vivere come le ragazzine della sua età : ”mamma ho capito che il mio ragazzo ideale deve essere anche lui un disabile che sta su una sedia a rotelle, perché deve vivere all’altezza dei miei occhi e del mio cuore….”:
Una bronchite fortissima la porta ad assentarsi da scuola per diverso tempo al suo rientro però muore improvvisamente mentre sta ridendo fragorosamente per la battuta di un compangno, aveva solo 13 anni.
I genitori di Alice hanno fondato una Onlus nella zona di Firenze “ALICE” che si occupa principalmente dei problemi legati alla disabilità.
Un libro dolce e forte nello stesso tempo che fa riflettere e commuovere.
Cristina


29 commenti:

Tiziano ha detto...

Buon giorno Cristina grazie per questo tuo consiglio penso che leggerò questo libro e voglio farlo leggere anche ai miei nipoti
ciao buona domenica.

cristiana2011 ha detto...

Una storia tragica, ma colma di speranza e dignità.
Tutti gli adolescenti dovrebbero leggerla e fare un esame di coscienza.
Cristiana

Luigi ha detto...

bellissima quella frase di Alice: veramente profonda e poetica!!!
Grazie!!!

❀~ Simo ♥~ ha detto...

Una piccola grande donna!

Carla, i colori...pensieri della mia mente. ha detto...

Sono commossa...grazie per il consiglio. ciaooo a tutti

nanussa ha detto...

dev'essere un bel libro, grazie, vedro' di cercarlo e acquistarlo.
ciao felice domenica :)

Antonella ha detto...

Grazie pe rquesto bel consiglio, lo leggerò.
A presto, Antonella

Michele Scaperrotta ha detto...

grazie
lo leggero'
buona gionata

Sandra M. ha detto...

Letto tanti anni fa, quando uscì. Lo usammo anche a scuola, in una quinta. Le poesie sono molto belle e il tutto si presta a riflessioni molto coinvolgenti. Bello ricordarlo e diffondere : dovrebbero leggerlo tutti gli adolescenti. E non solo.

Cristina ha detto...

Un libro che personalmente mi ha "lasciato parecchio". Vedrete non ne resterete delusi.
Buona domenica a tutti vo.

Erika ha detto...

Grazie per il prezioso consiglio. Buona nuova settimana.

Ambra ha detto...

L'ho letto. Non so. Leggere di una bambina con una fisicità malata che la porta ad accentuare l'intensità delle sue emozioni, che probabilmente non avrebbe se non fosse paralizzata, mi ha creato disagio, così come quella vaga malinconia di fondo che ritrovi ad ogni riga.

RobbyRoby ha detto...

ciao
grazie per il consiglio di lettura.

Anonimo ha detto...

Nel rileggere il libro non è la malinconia che sento ma il suono della sua voce argentina, della fresca battuta sagace e pronta, della sua risata scintillante! Grazie Ali, alla prossima!

Adriano Maini ha detto...

Ho un nodo alla gola che non mi lascia dire altro.

zefirina ha detto...

non credo che ce la farei a leggerlo, per una sorta di pudore o forse di paura

Melinda Santilli ha detto...

Ciao Ambra, ho scoperto il tuo blog attraverso quello di Antonella e mi è sembrato molto carino.
Ho letto il libro di Alice tempo fa e mi è piaciuto molto, l'ho trovato un commovente inno alla vita e credo che molti adulti e bambini dovrebbero leggerlo.
Ti seguirò volentieri, se vuoi farmi visita ti lascio il mio link:

http://melinesante.blogspot.it

Un abbraccio
Mel

stefania ha detto...

grazie del suggerimento. Un abbraccio. :)

il monticiano ha detto...

Scusami se banalizzo, dovrebbero farne un film.
Credo ne varrebbe la pena.

Cri ha detto...

Anch'io, come Sandra, l'ho letto anni fa, quando uscì. Alice era morta l'anno prima. Era di poco più giovane di me, se non ricordo male.
Mi ricordo il commento alla sua morte, quell'osservazione di come una bronchite sia difficile da tossire via se sei paralizzata.
Mi ricordo le sue tante foto, il suo sorriso luminoso.
All'epoca mi commosse e mi entusiasmò. Ma ero un'altra persona. Chissà, oggi forse mi farebbe un altro effetto.
Però, sì, io non la dimentico, Alice Sturiale.

Carmine Volpe ha detto...

bisognerebbe che tutti ogni tanto ci facessimo un bagno di umiltà una storia bellissima che ci insegna più di qualsiasi altra cosa il vero significato della vita

Cristina ha detto...

@ probabilmente la malattia ha contribuito ad accentuare la forza delle sue emozioni. Ma sicuramente Alice a prescindere dalla sua malattia non era una persona banale e comune. Personalmente avrei tanto aver avuto la possibilità di conoscerla. Ho cercato su internet l'associazione a lei dedicata da parte dei suoi genitori ma purtroppo non ne ho trovato traccia....

Maria Dolores Lopez Godoy ha detto...

É molto interessante il suo blog, complimenti. Besos desde España.


http://redecoratelg.blogspot.com.es/

Pupottina ha detto...

già il titolo mi ha conquistata ed anche la copertina è simpaticissima ;-)

Lufantasygioie ha detto...

io leggo pochissimo,per mancanza di tempo,ma in quel pochisssimo mi piacciono i libri che raccontano la vita reale delle persone.
Lo cercherò.
Lu

nella ha detto...

Tenero e crudele post allo stesso tempo...
Morire felici con il sorriso sulle labbra non è da tutti, coraggiosissimi i genitori!
E' vero da leggere!

Vilma Bellucci ha detto...

Non ho letto questo libro, ma lo farò di certo. Quella frase che ti hai messo mi è entrata nel cuore e lavorando io con i disabili, so bene..
Un abbraccio
Vilma

Cristina ha detto...

@ ve lo consiglio davvero.

DIANA. BRUNA ha detto...

E' un libro che io ho e che consiglio a tutti .
Questa bimba così matura per la sua età, così sensibile, credo che se fosse vissuta sarebbe diventata una Grande ed è un peccato che se ne sia andata nell'età più bella, quella in cui non siamo più bambini e neppure grandi.
Ciao carissima
Abbraccio
Bruna

Iscriviti a Feed Burner