1

Benvenuti nel blog collettivo creato da Ambra

sabato 18 dicembre 2010

La perduta visione dell'Infinito

Scritto da Ambra
La volgarizzazione di testi psicologici, la produzione di libri e libelli in proposito e il proliferare di gruppi dediti alla "crescita" - venuti di moda da una certa epoca - hanno
fatto sì che chiunque si senta in diritto di interpretare il comportamento proprio o di un altro e di sentenziare con arroganza e assoluta certezza sulle cause di tali comportamenti.
Questa superbia e questa invadenza dell'anima insensate - dove l'umiltà e la conoscenza dei limiti umani hanno perso la loro ragione d'essere - non lasciano spazio poi per altre disquisizioni ritenute noiose e per null'altro che non abbia attinenza se non con i contorcimenti pseudo-analitici nell'esame di un'idea o di un comportamento.
E si perde in tal modo la nozione del mistero e quella del non-senso che fanno parte della vita.
E’ sparita  la capacità di tornare agli Archetipi, alle Madri e a Platone.
Il concetto proprio della metafisica e la ricerca non tanto di sé ma di un più ampio significato della propria misteriosa esistenza sono sconosciuti ai più e privi di significato.
Finalità individualistiche futili ed orbe di futuro governano la vita ed una realtà sempre più impastoiata in false certezze di felicità da raggiungere con un’auto nuova, un nuovo vestito, una vacanza esotica o la condivisione pubblica della propria anima.
E il senso delle origini, della loro continuità, e il senso del cosmo sono stati sostituiti da futili discussioni su temi legati al proprio individualismo.
Senza dimenticare che una delle rimozioni più forti della nostra epoca è la morte, che pure esiste come assoluta ed unica certezza e il cui abbraccio riporta laddove nasce l’origine degli esseri viventi siano essi uomini, alberi o animali.
Il pensiero della morte e quello della vita dovrebbero darci il senso di appartenenza all’umanità intera e alla natura, se non fosse che l’una, la morte,  è stata scacciata e l’altra, la vita, è stata addomesticata a visioni del tipo grande fratello.
Ambra
image cc by Alice Popkorn NoDerivsLicense

76 commenti:

riri ha detto...

...condivido, (ti seguo, anche se non scrivo a tutti per mancanza di tempo), ma l'umiltà la metterei anch'io al primo posto..poi il dare consigli non richiesti è una cosa che mi fa un pò dispiacere, come si fa a conoscere l'animo umano?Come si può essere sicuri di conoscere in primis se stessi, poi gli altri..non basterebbe un'intera vita ..un cordiale saluto

Tomaso ha detto...

Nel tuo scritto cara Ambra cè tutta la verità dei nostri tempi, sottoscrivo pianamente quanto hai affermato.
Buona giornata con un forte abbraccio,
Tomaso

Stella ha detto...

Umiltà, umiltà e ancora umiltà invoco anch'io!

Cara Ambra un sincero augurio di Buon Natale a te e famiglia!

Ambra ha detto...

@ riri
Ciao riri benvenuta da noi. Grazie della tua visita.

Ambra ha detto...

@ Tomaso
Mi fa piacere che tu sia d'accordo con me

Ambra ha detto...

@ Stella
Ciao Stellina, ci risentiamo presto. Passerò a farti gli auguri.

il monticiano ha detto...

Grazie Ambra, non potevo assistere ad una lezione migliore della tua. Mi ha preso da subito e l'ho capita come meglio non avrei potuto considerato anche il mio mediocre grado di cultura. Con insegnamenti così non avrei interrotto i miei studi a suo tempo.

Lufantasygioie ha detto...

cara Ambra
un post particolare...un po amaro il contenuto....
non potrebbe essere un tipo di difesa inconscio quello di rimuovere il concetto di morte dalla nostra vita quotidiana?
Anche le false certezze di felicità,come vengono definite da te,possono aiutare ad attraversare un momento buio,di depressione,come un'imput a ricominciare a vivere,ad andare avanti?
Non dico che certi valori sono così abbondanti nell'animo umano,ma credo che ognuno di noi,si armi come può per combattere questa battaglia quotidiana.
Non so altre persone come vivono il loro tempo,io ti posso dire che il concetto di morte e di vita lo conosco fin troppo bene,come quello di malattia e di speranza...e so che a volte,mi serve una piccola consolazione,anche se materiale...
naturalmente posso anche sbagliare,nessuno è perfetto.
So che la vita può finire in qualsiasi momento perchè nessuno di noi è immortale...ma secondo te sbagliano quelli che invece non ci pensano affatto?
Ti abbraccio
lu

Erika ha detto...

Sei laureata in filosofia Ambra? Alla morte ci penso, eccome! Ho perso mio padre in una notte quando avevo 18 anni.... e spesso ricordo quel brano del Vangelo di Matteo in cui si dice:"Vegliate perchè non sapete nè il giorno nè l'ora...."
Quando la gente mi vede mi dice che sono sempre sorridente, esuberante,instancabile, disponibile ( ho 61 anni); mi invidiano perchè viaggio moltissimo, e mi criticano anche per questo, ma non sanno che cosa si cela nel mio cuore....
Ho tanti problemi familiari(figli e adesso anche marito)ma cerco di darmi coraggio:non credo agli psicologi, ai consigli che si possono trovare sui libri, alle sciocche trasmissioni televisive che non guardo mai,agli amici che ti compatiscono, e anche io, come Lu, ho bisogno di qualcosa di materiale per tirarmi su.... altrimenti ci si ammala, si cade in depressione.
Stasera vado con mio marito a teatro.
Un abbraccio e Buona Domenica.
erika

Sandra ha detto...

Cara Ambra , relativamente al proliferare di libri e librettini, articoli su riviste e, interventi in salotti televisivi...di sparasentenze pseudo filosofiche e psicologiche, hai davvero ragione. Appena mi accorgo...scappo.
Che l'approccio alla morte sia un tabù , anche questo fa parte del nosro vivere quotidiano un po' di plastica. Così come di plastica sono tutte quelle indecorose facce rigonfie di botulini e robacce simili che si vedono in giro.
Certo quando ci si sente sfiorare dalla signora con la falce...non so , le reazioni sono davvero soggettive. Dipendono da una quantità di variabili davvero grande.
Umiltà. Questa è la parola chiave di questo tuo scritto davvero interessante e profondo.
Io ci aggiungerei anche sobrietà.
Ti abbraccio pure io, come Lu.

Ambra ha detto...

@ monticiano
Carissimo amico, non è questione di cultura, ma di intelligenza e sensibilità, doti che ti contraddistinguono, come posso rilevare dai tuoi post e dai tuoi commenti.
E ti ringrazio delle tue parole.

Ambra ha detto...

@ Lufantasygioie
Ciao Lu. Guarda che non sono contro lo shopping che uso anch'io come balsamo efficace contro malumore, insicurezze e giù di lì. Semplicemente questo e solo questo non può essere ragione di vita.

Ambra ha detto...

@ Erika
Ho fatto lettere non filosofia. Fai bene ad andare a teatro. Ora è sicuramente tardi per dirti "buon spettacolo" ma te lo auguro lo stesso. Come dicevo a Lu va tutto bene lo shopping, il viaggio, cinema, teatro, è tutto quello che ti dà momenti di leggerezza e di gioia. Ma ci deve essere spazio anche per altro. Cosa che non dubito affatto tu abbia.

Ambra ha detto...

@ Sandra
Hai centrato in pieno il messaggio che volevo trasmettere. Umiltà e - come dici tu - sobrietà evitano di portarti a divenire uno "sparasentenze" che spesso non può fare a meno di pavoneggiare il suo ego come un pavone che fa la ruota.
Un abbraccio.

Costantino ha detto...

che bella frase, e che bella immagine!

Adriano Maini ha detto...

Arrivando solo or ora, non posso fare altro che sottoscrivere il tuo ultimo commento, aggiungendo solo che nel tuo post hai svolto delle riflessioni veramente profonde.

Ambra ha detto...

@ Costantino
Benvenuto Costantino! E grazie del tuo passaggio e del tuo commento.

Ambra ha detto...

@Adriano Maini
Grazie delle tue parole, mi hanno fatto molto piacere.

utente ha detto...

ho capito,
hai parlato con un medico del pronto soccorso che doveva fare il turno di notte. La stessa cosa me l'ha detta un chirurgo del San Raffaele. Mi diceva: "...tra noi e la città c'è solo la tangenziale a dividerci, siamo così vicini eppure così lontani. Di là ce la negazione della morte, di qua spesso c'è la negazione alla vita."
Vorrei capire dove va l'anima però e quello non me l'ha saputo spiegare.
Io credo che il corpo sia come l'emmental e i buchi sono l'anima, finchè non muore la forma non si vedono.
Però devo anche dire che la badante che lavora da mio padre un giorno mi ha detto: "Tu non credi all'essenziale ma ti perdi in cose inutili (per essere preciso "quella" al 27 si aspetta paga, che puntualmente gli do e se li spende tutti all'occidentalizzato mercato cittadino, prende di quelle cineserie che nemmeno capisco a cosa possano servire). Noi siamo come il bambino nella pancia della madre, non crediamo esista un altro mondo possibile a quella placenta, poi un giorno, di colpo, usciamo ed entriamo in un mondo immensamente più grande e luminoso e con la morte noi ci affacceremo di colpo in un mondo infinitamente più grande e abbagliante.
Certe volte non basta frequentare medici di tangenziale, certe volte la saggezza è nel deserto marocchino o anche più in la.
P.S.
Per la precisione ho una macchina del secolo scorso, senza autoradio. Per sentire la musica devo cantare e se mi capita che mi vedano faccio finta di parlare in vivavoce col cellulare che sistematicamente mi dimentico di ricaricare. Non dover dimostrare niente a nessuno ha i suoi vantaggi.

riri ha detto...

Ciao, eccomi tra i tuoi lettori, io non li ho perchè non riusco a seguirli sempre,così ho deciso di andare a far visita liberamente agli amici che mi "piacciono":-).Ho letto le considerazioni molto interessanti fatte qui,chi ha paura di parlare della morte non è degno nemmeno di esprimersi sulla vita...
buona domenica.

Ambra ha detto...

@ utente
Utente, sei unico. Hai ripreso i punti essenziali che avevo pensato e poi scritto e li hai riformulati con la tua infinita, divertentissima e contorta ironia. Faccio fatica a condividere la tua certezza di "un mondo infinitamente più grande e abbagliante". Mi piacerebbe poi incontrarti fermo in macchina a un semaforo (possibilità non così remota essendo la patria di Olindo non così lontana da Milano) mentre ti esibisci nel cantoradio. Sarebbe divertente.

Ambra ha detto...

@ riri
Ciao riri, anche tu sei tra i miei lettori fissi e ci reincontreremo spesso, passerò da te appena riesco. So che è difficile seguire tutti e anch'io faccio come te.
Buona giornata.

Costantino ha detto...

grazie per il passaggio,appena mia figlia mi da una mano a farlo mi iscrivo al tuo blog.

Ambra ha detto...

@ Costantino
Grazie a te per la tua visita

Luigi ha detto...

molto interessante Ambra: anch'io ho scritto qualcosa sull'argomento!
A presto Luigi

tilli ha detto...

Condivido in pieno, tutto quello che dici.
Perchè sono cose che vivo sulla mia pelle tutti i giorni..
Ti ringrazio di essere passata a trovarmi.
P.S. se vieni da me troverai una ricetto che ho appena postato...
Buona Domenica ^_^

utente ha detto...

Una cosa è certa "io scrivo da cani". Una volta sono andato al canile e quelli scodinzolavano come dei matti (cani matti), mi hanno riconosciuto subito come uno di loro.
Quella non è una mia certezza (quella di un mondo infinitamente più luminoso dopo la morte) ma è la filosofia della donna che segue mio padre. Io sono un tecnico e non ho certezze, so che viaggiamo costantemente in un teorema da riformulare. Come tecnico elettrico so che più energia c'è e più scintilla illuminante ci sarà quando si staccherà la spina (scintilla è una liberazione di energia momentanea).Io poi, ho più dubbi di mille Russel istigatori di dubbi.
La luce poi, meglio non parlarne. Viaggio in casa spesso al buio (di notte ... se mi alzo) e se giri un po' a Milano e vedi uno che canta senza I-Pod, ecco, quello potrei essere io anche non al semaforo, anche non in auto. Delle volte canto più quando sono arrabbiato di quando sono allegro ... allegro per che cosa poi???

utente ha detto...

... però delle volte penso come LU e non so dargli torto. Fin dei conti si può mica prepararsi a vivere al cimitero e anche certe cineserie valgono la pena di essere provate.

Ambra ha detto...

@ Luigi
Ciao Luigi. Benvenuto e grazie della tua visita. Sono passata da te

Ambra ha detto...

@ Tilli
Sono appena passata da te. La tua ricetta della Carbonara con crema di ceci deve essere veramente gustosa. uno di questi giorni la provo. Poi a me piace molto tutto quello che si può fare con i ceci.

Ambra ha detto...

@ utente
Sicuramente non faticherei a riconoscerti, soprattutto se dovessi incrociarti sul marciapiedi.
E quanto al pensarla come LU, beh leggi la mia risposta al suo commento. E' un po' complicato. Ti facilito. E' il 12.mo blocchetto a partire dall'alto.

Antonella ha detto...

Un argomento molto riflessivo .... Siamo troppo impegnati a correre dietro le cose inutili, a rimanere incantati di fronte alle illusioni che ci offrono per guardare un pò dentro noi stessi... Siamo convinti di essere tanti "numeri uno" e che niente potrà mai toccarci! Ma la morte esiste come esiste la vita.... quanto costa essere più umili, meno arroganti e più disponibili con gli altri? Scusa per queste parole ma è un periodo che sono inviperita con un pò di persone che mi circondano che credono di essere onnipotenti ed immortali....
Ne approfitto cara Ambra per augurarti di trascorrere un felicissimo e sereno Natale con le persone che ami! Un forte abbraccio!

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Sicuramente l'umiltà è un fattore importante;ma quello che l'uomo non ha ancora capito e che resta solo un granello dell'immenso universo.Serena notte a presto

Ambra ha detto...

@ Antonella
Ti capisco perfettamente. Nessuno è più ingombrante e fastidioso di quelli che hanno un ego debordante che va a opprimere gli altri procurando noia oltre che fastidio. Anche a te auguro di passare un Buon Natale.

Ambra ha detto...

@ Cavaliere
Grazie della tua visita e delle tue parole. A presto.

giulia ha detto...

Sono assolutamente d'accordo con te. Hai ragione abbiamo bisogno di molta umiltà.
Grazie
Giulia

Alive2 ha detto...

Parole che sanno andare oltre. La morte è stata ridotta a un fatto banale. Ed invece dovrebbe essere l'inizio di una nuova Vita. E la vita una preparazione. Ma dal suo contesto sono stati tolti principi, un pò di sorriso bello come il tuo e la voglia di capire di cercare le risposte al senso della vita.

Ivonne e Alby dal freddo Illinois

nanussa ha detto...

l'umilta' e' la caratteristica che rende una persona bellissima!!!!

son passata a salutarti, il mio blog chiude per ferie natalizie!!!
poi ci rileggiamo a gennaio!!!!
ti mando un abbraccio , baci, ti auguro un sereno Natale e un felice 2011!!
a presto!!! :)

Ambra ha detto...

@ Giulia
Si, credo proprio che sia una caratteristica (se così vogliamo chiamarla) che si è perduta negli abissi.

Ambra ha detto...

@ Alive2
Cari Ivonne e Alby dal freddo Illinois ...
ne avete fatta di strada per arrivare fin qui in Italia. Bravi....
Grazie della visita e a risentirci presto

Ambra ha detto...

@ nanussa
Anch'io sono passata da te. A risentirci a gennaio.

Carmine Volpe ha detto...

il culto dell'invidualismo è forse un modo per esorcizzare la morte? me lo chiedo è non so darmi una risposta certa, che bel comunque penso che la morte come la nascita vanno accettate allo stesso modo

Ambra ha detto...

@ Carmine Volpe
Non saprei, del resto l'individualismo accentuato mi pare un segno di egoismo e di indifferenza per gli altri o meglio gli altri sono semplicemente una platea disposta ad ascoltare le proprie esibizioni.

Mirta - Luce nel cuore ha detto...

Grazie cara Ambra di queste veritiere riflessione, quanta umiltà manca... e poi la metafisica.... Sai che anch'io ho vissuto molto anni a Córdoba come tua nuora perché ho studiato all'Università Nazionale di Córdoba e dopo la laurea ho lavorato in quella città. Buon Natale a te e famiglia!

Guard. del Faro ha detto...

Gentile Ambra,
nel tuo articolo poni diversi e interessanti interrogativi.
Nel complesso, le tue affermazioni mi trovano d’accordo, a patto che tu non voglia dire che la psicologia e la filosofia debbano essere appannaggio esclusivo dei grandi pensatori.
In passato, la compartimentazione del sapere è servita a creare delle oligarchie, dei poteri ristretti, che hanno prodotto non pochi danni a sfavore degli ingenui e degli ignoranti. Ancora oggi la scienza è custode (o finge di essere custode) di “verità misteriose e imperscrutabili” ed in tal modo esercita un certo controllo sulle masse.
Penso, ad esempio, a tutta la pompa e all'apparato che ancora circondano la Medicina ed altre discipline “rigide”, dogmatiche e integraliste.
In sostanza, io sono favorevole alla volgarizzazione del sapere, a patto che ciò non generi distorsioni od eccessi, tipo appunto sentirsi onniscienti e "sparare sentenze" a destra e a manca; e sono favorevole all’umiltà, quella autentica e non di circostanza.
Di umiltà il mondo ha bisogno e non di certi spettacoli deteriori e fuorvianti che ci propina ogggiorno la tv.

fabrizio ha detto...

Ciao Ambra,sapevi che prima o poi sarei arrivato anch'io condividendo in toto quanto tu scrivi.Hai ragione viviamo uno strano periodo in cui ognuno si erge a "specialista" nel benessere mentale e nel trovare la felicità.Fieri dei nostri principi,molte volte costruiti sulla base di non so che cosa,spesso li imponiamo agli altri e creiamo dei casini mentali indecifrabili.Per raggiungere la felicità e alleviare la sofferenza,sia a livello personale che culturale spesso adottiamo metodi stranieri o esteriori senza capire che i risultati possono rivelarsi opposti a quelli attesi.
In poche parole:ma ...in che mondo viviamo?

Ambra ha detto...

@ Guard. del Faro
Sono d'accordo con te, anzi vorrei che la gente "pensasse" un po' di più invece di guardare gli squallidi spettacoli che propina la TV.

Ambra ha detto...

@ Mirta
Che bello forse vi siete persino conosciute, chissà. Lei si è laureata a Cordoba in Farmacia e in Biochimica, la prima laurea è del 1985 e la seconda del 1983.

Ambra ha detto...

@ Fabrizio
Infatti, io sostengo che a livello personale posso anche aver imparato a fare delle piccole riparazioni idrauliche a casa mia, ma mai mi verrebbe in mente di propormi come idraulico a dei possibili clienti.
Qui poi bisogna fare molta attenzione, sono tante le cantonate che si possono prendere - specialisti o no - nell'interpretare le motivazioni e i moti dell'animo umano.

Giada ha detto...

In questo post sono state toccate tematiche vastissime. Credo che l'individualismo porti alla perdita della cognizione della realtà, e delle vere priorità.
Condivido anch'io questa sensazione che ci sia stata la "rimozione" della morte, ed anche delle condizioni di malattia e vecchiaia. In tv per esempio la persona soggetta ad una malattia non è più vista come persona, ma quasi come una "bestia rara",o peggio ancora come un fenomeno. Il fatto che la stessa condizione può viverla chiunque è decisamente tabù, mette paura.
In quanto alla crescente psicologia spiccia, anch'io comincio a non poterne più...!
Ciao Ambra, a presto...

Ambra ha detto...

@ Giada
Si, la malattia in questo mondo dove regnano la bellezza fisica, la magrezza, l'essere vestiti alla moda, è diventata una condizione da mettere ai margini

fabrizio ha detto...

Ho grande rispetto per gli idraulici....un pò meno,anzi,nessun rispetto per gli"idraulici mentali!!!

Sciarada ha detto...

Ciao Ambra, credo che la cosa più assurda è che le sentenze arroganti e superbe sul comportamento proprio o altrui che derivano dalla lettura di pseudo libri che catalogano il compotamento per stereotipi, siano il frutto della fragilità e della paura di non essere all'altezza di capire se stessi e gli altri attraverso l'osservazione e soprattutto la comunicazione e il confronto, aggiungo anche della pigrizia e del disinteresse, che bisogno c'è di formarsi un idea personale sulla gente con cui veniamo in contatto se già tutto è scritto? Trovare, un libro che ti spiega chi sei, chi sono gli altri ed il senso della vita, per alcuni è rassicurante, vivere in uno stato di instabilità, con il cervello sempre in evoluzione alla ricerca di un pensiero da demolire un secondo dopo perchè se ne presenta un altro che smentisce quello di prima, spaventa, perchè si rischia di essere tacciati di incoerenza, chi è umile sa vivere così perchè è sostenuto dal lavoro mentale del proprio cervello, chi è arrogante no, perchè àncora il suo pensiero ad un luogo comune prestabilito e condiviso. Io sono un'individualista di pensiero non di finalità,

Sciarada ha detto...

Ciao Ambra, mi è partito da solo il commento non finito, comunque dicevo che io sono un'individualista di pensiero non di finalità, che rispetta e accoglie nel confronto, chi la pensa diversamente da me, perchè sono convinta che ognuno di noi, in quello che tu qui chiami cosmo, ha un ruolo che è definito e riconoscibile dalla presenza degli altri.
Buon Natale e felice anno nuovo a te Ambra, a tutta la tua famiglia e a tutti i volontari Seneca!

Paola ha detto...

cara Ambra vengo a portarti i miei migliori auguri di Buone Feste: pace e serenità siano sempre nel tuo cuore. Un abbraccio

tilli ha detto...

Tanti auguri di buone feste a tutti voi!
P.S. per Ambra vedi di riposarti un pò per le feste che non stai un attimo ferma....
Ciao Tilli ^_^

enrico ha detto...

e buon natale!!!!!!!

Elettra ha detto...

I wish you a Christmas filled with much peace and happiness

Lufantasygioie ha detto...

ciao Ambra,sono passata per augurati Buon Natale in serenità con i tuoi familiari.
Ho letto la risposta al mio commento.
Sono d'accordissima con te,lo shopping non può essere una ragione di vita.
Infatti io intendevo che ci sono persone che riescono a parlare della morte e a condividerne le paure anche con altri...e altre persone che non riescono ad accettarla,che non capiscono che la morte fa parte della vita.
Lavorando in ospedale attribuisco il giusto valore della vita e della morte(almeno spero che sia il giusto!)...ed io accetto sia la vita che la morte,parlo per me naturalmente.
Baci
lu

Alive2 ha detto...

La pace guardò in basso
e vide la guerra,
"Là voglio andare" disse la pace.
L'amore guardò in basso
e vide l'odio,
"Là voglio andare" disse l'amore.
La luce guardò in basso
e vide il buio,
"Là voglio andare" disse la luce.
Così apparve la luce
e risplendette.
Così apparve la pace
e offrì riposo.
Così apparve l'amore
e portò vita.
L. Housman

YVONNE
ALBY
SIMO & LUCA

Adriano Maini ha detto...

Buone Feste!

Carmine Volpe ha detto...

sono passato per farti gli auguri di Buone Feste

Galatea ha detto...

Cara Ambra, anch'io ti seguo sempre anche se non scrivo spesso, poi in questo periodo è particolarmente difficle tra chiusura dell'anno lavorativo ed ospiti per le feste ti puoi immaginare.
Ti faccio i migliori auguri per l'anno che verrà.
Condivido con quello che hai scritto, l'umiltà al primo posto, ma c'è un'altra cosa che vorrei far notare, la perdità dell'unicità, cerchiamo a tutti i costi di omologarci perdendo uno dei doni prezioni dell'universo l'unicità, la diversità, con quasto perdiamo pure la tolleranza ed aumentano i consigli non richiesti, che scaturiscono, secomo me, dal fatto che l'altro deve per forza essere come me e devo necessariamente portarlo sulla retta via :D

Spero tanto di non smettere mai di imparare...

Elettra ha detto...

A tutti i componenti del Seneca Milano auguro 12 mesi di felicità, serenità 52 fine settimana, 365 giorni d'amore, 8.760 ore di pace 525,6 mila minuti di successo, 31.536 mila secondi di amicizia

fabrizio castelli ha detto...

Tantissimi auguri di buon anno!
Fabrizio

Anna Righeblu ha detto...

Cara Ambra, tornerò a leggere con calma.
Sono passata per augurarti un felice 2011. A presto

Stella ha detto...

Buon Anno!

nanussa ha detto...

ciao ambra auguri di un felicissimo e meraviglioso 2011!!

il monticiano ha detto...

Ricambio gli auguri in ritardo, scusami.
Bentornata.
Felice anno nuovo 2011.
aldo.

Stella ha detto...

Cara Ambra, passa sul mio blog dei premi per un omaggio floreale particolare.

Giovanni N. ha detto...

Cara Ambra il titolo dela tua nota riassume ottimamente quello che dici. Molti ricevono in dono oltre l'intelligenza una certa capacità psicologica. Sono proprio costoro che sanno per innata saggezza quanto sia difficile capire gli altri che vuol dire leggere un titolo dei libri dei grandi filosofi senza leggerli e assimilare i contenuti. Vuol dire soffermmarsi superficialmente su ciò che è il risultato dell'esperienza fatta vivendo. Cioè dopo aver incontrato l'illusione e la delusione, la gioia ed il dolore. Più o meno su questo piano siamo uguali ma spesso non siamo capaci di elaborare gli impulsi che ne derivano. In una parola spesso non riusciamo a capire noi stessi.
Allora come è possibile capire e giudicare gli altri? Ecco entrare in gioco la perdita dell'umiltà che sembra essersi eclissata .
Quanto al secondo aspetto da te adombrato credo non sia affatto male amare i viaggi e tutto ciò che luccica gioioso intorno a noi a condfizione di saper tenere lucidi i poteri critici come tenere efficienti i freni di una bella macchina. E sapere separare l'effimero dagli interrogativi sul mistero della nostra esistenza. Passata la giovinezza ("che si fugge tuttavia") Il rischio è l'incontro prima o poi con il vuoto . Si può essere felici con il vuoto nell'anima?

Ambra ha detto...

Ciao Giovanni. Le tue osservazioni sono assolutamente pertinenti e centrate e le condiv ido in pieno. Anche il fatto che nella vita è indispensabile anche l'effimero per alleggerirsi delle pene che non ci vengono risparmiate, ma appunto con senso critico e consapevolezza come auspichi tu.

ambra ha detto...

Ciao Ambra, bel nome... complimenti!
Hai ragione: scrivono e parlano tutti, ma pochi di questi dicono qualcosa che abbia valore... e purtroppo sono quelli con la voce più flebile o addirittura imbavagliata. Evviva i tg italiani e la libertà di stampa... :P
Per fortuna c'è l'Isola dei Famosi! Almeno lì persone come le gemelle De Vivo - o Da Vivo - possono veramente dimostrare dire la loro!
Sono tristemente ironica.

Ambra ha detto...

@ ambra
Ciao ambra!! Bel nome anche il tuo e meno male che tu lo scrivi con la minuscola e io con la maiuscola (per inveterata abitudine)altrimenti è difficile capire ... Benvenuta e grazie delle tue parole, ora guardo chi sei e ricambio.

ambra ha detto...

Sì, sono una ribelle: la minuscola è voluta! :)
Grazie del commento. Il mio blog è un po' più leggero e... sicuramente personale. Bello il vostro! Vi seguirò e grazie della visita!

Ambra ha detto...

@ ambra
Si l'ho visto il tuo blog. Ti seguirò anch'io.

Iscriviti a Feed Burner