1

Benvenuti nel blog collettivo creato da Ambra

venerdì 5 ottobre 2012

Oh, quanto è triste nascere una donna!

courtesy Il filo di Erica
Post di Ambra
 Pensando alla condizione femminile ed alla fatica e al dolore che nei secoli hanno segnato la vita delle donne, vorrei proporvi questa poesia tratta da "Liriche cinesi". L'autore - Lieou Ling - muore nel 265 d.C.

Una donna
Lieou Ling (3° sec. d.C.)
Oh, quanto è triste nascere una donna!
Non c è nulla che conti così poco.
Quando nasce un ragazzo è come un Dio
che cada giù dal cielo sulla terra.
Il suo spirito affronta i Quattro Oceani,
il vento e il polverio di mille miglia.
Nasce una bimba e nessuno è contento:
anche i suoi non ne tengono alcun conto.
Quando è cresciuta si nasconde in camera
e non osa guardare un uomo in faccia.
Nessuno piange quando parte, sùbita,
come nuvola dopo che ha piovuto.
China la testa e compone il suo volto,
i denti stretti sulle labbra rosse,
mille volte s’inchina e s’inginocchia,
deve umiliarsi anche dinanzi ai servi.
E l’amore di lui
dimora più lontano
delle stelle del cielo.
Lei come il girasole
si piega verso il sole -
più divisi i lor cuori
che non l’acqua dal fuoco ...
Cento mali le incombono,
quando il suo volto muterà cogli anni
cercherà nuove gioie il suo Signore:
quelli che un tempo erano il corpo e l’ombra
ora distanti come Hu da Ch’ in ....
 


43 commenti:

Tiziano ha detto...

Ciao Ambra poesia un po triste
per fortuna la mentalita sopratutto maschile nei tempi e cambiata però non ancora dapertutto
ciao buon weekend.

Tiziana Bergantin ha detto...

E questo lo diceva Ling negli anni 200 era un uomo che pensava al valore delle donne, raro per quel tempo.

© FarfallaLeggera ha detto...

Le donne hanno ancora tanta strada da fare per essere amate, accettate e considerate...Ahimè! Abbraccio cara

Carmine Volpe ha detto...

certo nascere in cina non aiuta molto,. si dice che in alcune regioni il valore di una donna è quanti secchi d'acqua pieni riesce a portare, non tutto il mondo è cosi per fortuna ma certo in alcune società è ancora molto difficile

il monticiano ha detto...

Purtroppo tanta verità in questa poesia ma io resto sempre della mia idea, forse personale: la donna ha delle qualità che l'uomo si sogna di avere. In più le donne hanno la dote di una maggiore intelligenza rispetto all'uomo.
Un caro saluto,
aldo.

Mary ha detto...

Penso sempre che non a caso sia stata la Donna a ricevere il grande dono di dare la Vita. Tale compito le conferisce la carica di Onnipotenza che la pone oltre, ad un livello davvero superiore.
Un abbraccio, cara Ambra.
Mary

Erika ha detto...

Grazie Monticiano!
Hai scelto una lirica molto profonda, cara Ambra.Per limitare le nascite quanti infanticidi sono stati commessi in Cina a spese dei neonati di sesso femminile.....
Buona notte, Ambra

Paola ha detto...

Un uomo che pensava questo nel duecento certo era una rarità ... Ora la mentalità è cambiata, dice Tiziano, ed è vero, ma la cosa brutta è che purtroppo, ci sono ancora uomini che pensano tutt'altra cosa da quel che dice Aldo....magari pensassero tutti come lui. La donna ha ancora molto da soffrire..... Bella e profonda la poesia che hai scelto.
Ciao Ambra, buon fine settimana con un abbraccio

Lufantasygioie ha detto...

in alcune parti del mondo,nulla o poco è cambiato.

Bella questa poesia e la verità in essa contenuta.
Lu

❀~ Simo ♥~ ha detto...

La donna una figura sottomessa in alcuni parti del mondo....che tristezza

Michele ha detto...

poesia triste
ciao

Antonella ha detto...

Ciao , veramente tanto triste...l'arrivo di una vita dovrebbe essere gioia a prescindere dal sesso e invece... Buona giornata.
Antonella

Tomaso ha detto...

Per fortuna cara Zicin molte cose sono cambiate, e spero che ancora molto si debba fare, specialmente nel terzo mondo.
Ciao buon fine settimana, amica.
Tomaso

mr.Hyde ha detto...

L' uomo è aria, la donna è terra..
io la vedo così..Non me ne vogliano gli uomini.

Ciao Ambra!

Alessandra ha detto...

Una poesia molto triste...ma ancor più triste è pensare che in alcuni parti del mondo la donna è ancora considerata così, come descritto in questi versi.

Costantino ha detto...

Credo che sia cambiato molto,almeno da noi, da allora:qualunque nascita è una gioia.

Blogaventura ha detto...

E' vero son stati fatti molti passi avanti ma... molti altri ancora bisogna farne perchè possa parlarsi di vera parità. La violenza e la discriminazione nei confronti delle donne, purtroppo, sono una piaga non ancora del tutto debellata per cui credo credo che ci sia ancora molto da lottare. Un caro saluto, Fabio

Soffio ha detto...

Le donne possono e devono riscattarsi ma non imitando gli uomini né attendendosi salvezza da loro che non hanno interesse né saprebbero come fare

Alessio ha detto...

Ciao Ambra hai mica un account facebook dove ontattarti mi farebbe piacere!

Adriano Maini ha detto...

Un poeta profondo, inascoltato nei secoli, purtroppo, nel suo ardore di giustizia.

nanussa ha detto...

si son fatti molti passi avanti ma secondo me se ne devono fare ancora............ e come son lente a capire queste cose passeranno altre centinaia di anni o forse piu'............

ciao ambra buon inizio settimana!!

David Pierrot Coppari ha detto...

"Nasce una bimba e nessuno è contento:
anche i suoi non ne tengono alcun conto. " contestualizzata oggi risulta purtroppo attuale.
Per certi versi mi ha ricordato 'La lunga vita di Marianna Ucrìa' di Dacia Maraini.
Bon début de semaine
Pierrot

riri ha detto...

E' tristemente ancora vero ed attuale in alcuni paesi, lungo è ancora il cammino..
Poesia struggente.
Un caro saluto a tutti voi.

Ricardo Miñana ha detto...

Muy bellas tus letras, un placer.
que tengas una buena semana.
recibe un saludo.

Sandra M. ha detto...

Quante lacrime , troppe, in tante parti del mondo ancora oggi.

Anna Righeblu ha detto...

Una condizione molto triste e ancora tanto attuale se penso a recenti avvenimenti di cronaca.

Mirco ha detto...

E' una poesia che graffia il cuore.
E tanto più è muto il dolore, quanto più alto è il grido di milioni di Donne vilipese, uccise e maltrattate solo per il fatto di essere vive, e belle.

Michele ha detto...

ciao Ambra non potendo aprire la tua mail ti scrivo qua un link dove potrai vedere altre atrocita' degli umani verso i cetacei
Della foto da me pubblicata non ho l'origine purtroppo . ma da questo link http://www.elicriso.it/it/stragi_compiute_uomo/strage_delfini_danimarca/

vedrai atrocita' ben piu' gravi
scusami se ho scritto qui buona serata
ciao Michele

Lufantasygioie ha detto...

spero che Donata ti abbia colpito,a me piace,non credo di aver sbagliato a giudicare,intendo come persona.
I suoi post sono molto interessanti,spero che il suo blog ti sia piaciuto.
Ti lascio un buongiorno,cara Ambra
Lu

DIANA. BRUNA ha detto...

Una cosa è certa che se nel duecento un uomo "osava" esprimere questi pensieri...c'è da fargli un monumento!!!
Tante cose sono cambiate nel tempo...ma quanto abbiamo ancora da combattere noi donne.
Basta leggere le cronache per capire quante donne subiscono violenza in casa e fuori casa, discriminazioni di ogni tipio se non addirittura la morte.
Ma noi non ci diamo per vinte!!!!
Ciao
Un abbraccio
Bruna

Pupottina ha detto...

un bel post per riflettere sulla condizione femminile e un messaggio attuale

Cri ha detto...

Che grazia ha questa poesia, come un fiore delicato e tenace sbocciato in mezzo alle spine. Sembra davvero di ascoltarla cantata dalla voce dolce, ferma e sommessa di una donna...

RobbyRoby ha detto...

ciao Ambra
sono passata per mandarti un salutino

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Versi molto attuali anche ai giorni nostri. Purtroppo in Italia e nel mondo, la donna subisce ancora molte discriminazioni.
Saluti a presto.

Adriana Riccomagno ha detto...

I tempi sono cambiati, ma per certi aspetti nascere donna può ancora rappresentare una sfortuna. Teniamo duro!

Veneris ha detto...

C'è ancora molto da fare ma credo che in molte parti del modo le condizioni delle donne siano migliorate di gran lunga fortunatamente...

zicin ha detto...

Una poesia bellissima...
Un canto sommesso di dolore che vuole sbocciare al sole...
Purtroppo in tanti angoli del mondo la donna ha ancora tanta strada... diritti negati... sopraffazione... violenza...

Melinda ha detto...

Ciao Ambra, una poesia molto intensa...purtroppo in Cina è così, le bimbe sono viste in modo differente, non contano niente, non sono eredi :(

carlafamily ha detto...

Faccio una puntatina in questo blog e trovo una bellissima poesia.
Quanto dolore esprime! Lascia un forte senso di malinconia perchè purtroppo in molti luoghi nulla è cambiato. Quanta strada è strada percorsa e quanta ancora da percorrere?
Riuscirà mai l'uomo a comprendere che non si può stare uno senza l'altro?
Un caro saluto. A presto!

Francesco Zaffuto ha detto...

Quasi mille e 800 anni e ancora tanta strada da fare. Attraverso la libertà e l'uguaglianza della donna si potrà fare un mondo di pace e migliore, si potrà comprendere anche la necessaria libertà e uguaglianza tra gli uomini.
ciao

Giancarlo ha detto...

Purtroppo dopo secoli c'è ancora troppa violenza contro le donne, una grandissima vergogna!! Poesia molto bella, anche se la trovo triste!! un abbraccio...ciao

Vilma Bellucci ha detto...

Riflessione molto apprezzata, purtroppo c'è ancora molto da imparare nel mondo.

Grazie Ambra dei tuoi passaggi nel mio blog. Mi hai fatto una domanda riguardo delle immagini sotto una mia poesia...la poesia parla di menopausa, e consapevole che era difficile capire ho aggiunto quelle immagini
Grazie ancora e un abbraccio

Galatea ha detto...

265 d.C. la cosa triste è che oggi nel 2012 ci sono ancora popolazioni che hanno questa visione della vita :(

Iscriviti a Feed Burner