1

Benvenuti nel blog collettivo creato da Ambra

martedì 17 aprile 2012

Acqua

courtesy
Post di Elio
Sono sempre stato amante dell’acqua, come tutti. Ed in particolare la utilizzo fredda o tiepida per tutti gli usi salvo che per radermi la barba: allora la desidero decisamente calda!
Ricordo che durante la guerra non c’era carenza d’acqua, ma di combustibile sì, per cui bisognava adattarsi all’acqua fredda. Non avevo problemi ma, per radermi, ne scaldavo un pentolino.
Adesso ho il riscaldamento dell’acqua con il boiler a gas per cui, per ottenerla calda, bisogna lasciarla scorrere  per alcuni minuti. E la cosa non mi ha mai dato fastidio: ormai i miei tempi non sono più pressanti per cui cinque minuti in più od in meno non mi comportano inconvenienti.
Ma ora mi ritrovo con un problema! E’ da un po’ di tempo che mi arriva la pubblicità di enti che si occupano di bambini nelle zone più sacrificate dell’Africa. Ne ho pure adottata una, di bambina. Con pochi euro al mese, mi garantiscono che, grazie a questa adozione, riuscirà a mangiare e bere e ad andare a scuola. Ma,  proditoriamente, immagino per convincermi, mi hanno mandato delle fotografie orribili:  bambini ischeletriti dalla mancanza di cibo ed acqua. Ed insistono con l’acqua accompagnando le parole da fotografie molto convincenti.
Ed ecco allora che, al momento di radermi, provo un profondo disagio nel lasciar scorrere l’acqua in attesa che diventi calda. E non mi sento neppure di scaldarla a parte come facevo durante la guerra. Ed ogni mattina si ripete la scena e, miseramente, decido di lasciar scorrere l’acqua!
Elio

26 commenti:

❀~ Simo ♥~ ha detto...

Un post che ci pone diversi interrogativi.....meditiamo e cerchiamo di donare quel che possiamo a chi è meno fortunato di noi
Un saluto e bentornata Ambra!

Raimondo - Niente Barriere ha detto...

Scegliere di adottare un bambino a distanza è un gesto bello e concreto. Bravo Elio, Complimenti :)
Il proglema dell'acqua, il bene più prezioso in natura, è un problema enorme. Nel prossimo futuro, e già adesso, molti conflitti si combatteranno per aver a disposizione più acqua potabile possibile. Pensate che il 40% della popolazione globale attualmente non ha accesso all'acqua potabile. Una cifra pazzesca ... dunque non sprechiamola .. ma soprattutto deve essere pubblica e gratuita.

un saluto

Cristina ha detto...

L'acqua è sorgente di vita e di forza...ma anche di deserto e sete...a volte è vero sprechiamo l'acqua un bene per noi scontato e che altri desiderano semplicemente per vivere

Lufantasygioie ha detto...

non nego che in alcune parti del mondo,l'acqua sia un bene dal valore inestimabile.Ma alcune compagnie,associazioni,enti,giocano proprio sulla visione di certe immagini.
Tu,io ,noi occidentali abbiamo l'acqua,sempre,a portata di mano,ma non credo che tu debba sentirti in colpa,per una cosa che hai ed usi.
Quello che possiamo augurarci ,invece, è che la situazione di questi paesi,migliori col tempo.

PS
baci Ambra!

Tomaso ha detto...

Ritorno da un viaggio dove ho visto tanta acqua e neve, li a San Moritz e a Zermatt non conoscono probeli dell'acqua, ogni luogo hanno i suopi problemi, ciao e buona serata.
Tomaso

Adriano Maini ha detto...

In tanta parte del Terzo Mondo l'acqua purtroppo rappresenta un tremendo dramma.

mr.Hyde ha detto...

Fai bene ad evitare lo spreco...Anch'io penso a chi non ha i nostri comodi: tutti dovrebbero avere rispetto..
l'adozione della bimba ti fa onore:sei una persona speciale..

RobbyRoby ha detto...

ciao
buona serata. L'acqua un bene prezioso.

Stefania ha detto...

C’è un premio da ritirare. Vieni nel mio blog e capirai :)

riri ha detto...

Ti capisco, a volte anch'io mi sento così, solo per lavare le mani, magari dopo aver "dipinto col nipotino", ma ti dico come la penso: anche se noi ne consumassimo di meno non andrebbe a loro, basta che li si aiuti, per quanto ci è possibile, con donazioni ed altro e tu lo fai, non sentirti a disagio...Ti abbraccio. Un caro saluto a tutti voi.

Alberto ha detto...

Per tanta gente nel mondo la mancanza d'acqua è un problema e si aggrava sempre più. E grandi multinazionali se la stanno accaparrando.

Galatea ha detto...

Anche a me accade la stessa cosa, e non posso farci niente ogni volta si ripete il disaggio.

Pupottina ha detto...

l'acqua è un bene che dovremmo sempre salvaguardare... è fondamentale e indispensabile per tutti

Lara ha detto...

Quanta umanità traspira dalle parole di Elio!
Molto bello il suo gesto dell'adozione a distanza e le riflessioni sull'acqua.
Riflessioni che ormai devono essere di tutti noi.
Grazie e un caro saluto,
Lara

Rita Baccaro ha detto...

durante l'estate mi trasferisco alla mia villetta al mare dove non arriva l'acquedotto e siamo costretti ad acquistare le cisterne d'acqua che vengono a costare proprio tanto. In quei mesi mi accorgo di quanta acqua siamo abituati a sprecare nell'uso quotidiano. Ad esempio per innaffiare il giardino usiamo l'acqua con cui si sciacqua frutta e verdura o con cui si lava per terra (tanto usiamo solo l'ammoniaca che fa pure da fertilizzante).
Penso che riflettere sulla diversa distribuzione delle risorse sul pianeta, oltre a farci sentire dei privilegiati, dovrebbe farci ricordare più spesso di chi vive diversamente da noi, pensare che basta poco per trovarsi nelle stesse condizioni... la povertà può anche essere dietro l'angolo pure nell'opulento occidente.
ciao e grazie per la condivisione delle tue riflessioni

Sandra M. ha detto...

Questo è un discorso molto serio. Questa faccenda dell'acqua è diventata un po' un'idea fissa anche per me e da tempo. Piccoli accorgimenti di non-spreco ( quali chiudere il rubinetto mentre ci si spazzola i denti ed altri, per esempio) sono diventati abitudini quotidiane.
Però ultimamente sono anche parecchio infastidita dalla mole di inutili "beni" di consumo che fanno bella mostra nelle corsie dei supermercati: mamma mia quanta inutile paccottiglia compriamo...quanti inutili oggetti riempiono le nostre case!!!
Ma è un discorso lungo...

Edoardoprimo ha detto...

Come dice Sandra questo è un argomento molto serio.
Le Nazioni occidentali, anziché vendere "armi" in Africa, perché non costruiscono acquedotti?

il monticiano ha detto...

Che ci sia penuria d'acqua in Africa e chissà in quali altre parti del mondo è sicuro ed è altrettanto vero che quei luoghi sono stati sfruttati da vari colonialismi ma mai si è pensato alle necessità di quelle popolazioni. L'acqua è un bene primario, per tutti.

eliaccio ha detto...

Grazie dei commenti: siete molto generosi! Un abbraccio a tutti!
Elio

Krilù ha detto...

Questo interessante post di Elio indubbiamente induce alla riflessione. Che l'acqua sia un bene prezioso lo sappiamo tutti, anche se noi occidentali, abituati agli sprechi, non ci curiamo di economizzarla. Dovremmo però ricordare che non è una risorsa inesauribile e quella che oggi è una drammatica realtà in talune parti del mondo, potrebbe diventarlo anche per l'opulento occidente.

Stefania ha detto...

eri in guerra? Mi racconti?

Vania ha detto...

E' vero, l'acqua è un vero problema in alcune parti del mondo. Noi siamo fortunati a poterla usare quanta ne vogliamo in ogni momento della giornata, ma non credo che usandone meno potremmo aiutarli. Certo, fare un pò d'attenzione non fa male, cerco di non fare sprechi eccessivi. Anch'io ho adottato un bimbo del Burundi, se potessi ne adotterei altri. Bel post Elio, sei una persona sensibile. Buon fine settimana.
Buon fine settimana anche a te Ambra

Gabe ha detto...

l'acqua è un bene prezioso,ce ne ricordiamo,però,solo quando per qualche motivo ci arriva in quantità ridotta,dobbiamo farne sempre un uso corretto e parsimonioso,anche se so per certo che gli acquedotti vecchi e la scadente manutenzione fanno sì che se ne perda tantissima nel tragitto che la porta alle nostre case
Un saluto a te e ad Ambra

riri ha detto...

Buon fine settimana a tutti voi:-)

Nicolanondoc ha detto...

L'acqua, un bene prezioso che dovrebbe essere sempre a disposizione di tutti, un bene così naturale, eppure...
Buon fine settimana.
Post che fa riflettere molto.

Carmine Volpe ha detto...

modificare le nostre abitudini è difficile, però non è tutta colpa nostra se i bambini muiono di fame e sete in africa.
Sostenere le organizzazioni sono d'accordo ma il grande lavoro lo devonmo fare sopratutto la politica e le istituzioni internazionali, noi possiamo fare poco ma è bene fare qualcosa, io sono deluso dalle istituzioni che seocndo me non fanno abbastanza anzi lucrano su queste cose

Iscriviti a Feed Burner